ibrahimovic
Ibrahimovic sempre più vicina la pista MLS dopo l’infortunio
30 aprile 2017
Mateo Musacchio
Villareal, accordo con il Milan per Mateo Musacchio
4 maggio 2017

La nascita del Totocalcio e delle scommesse sportive

Scommesse

È possibile vincere alle scommesse sportive, creando rendite continue?
Prima di rispondere a questa difficile domanda, mi preme raccontarti le origini delle scommesse sportive.

Sin dall’antichità era affiorato un fenomeno che vedeva diverse persone pronosticare l’esito di eventi sportivi e scommettere con altre persone su di esso. Questo fenomeno, la scommessa sportiva, trova le sue radici già nell’antica Grecia, dove gli spettatori delle olimpiadi tentavano di prevedere gli esiti delle varie gare, puntando sugli atleti che secondo loro avrebbero vinto le competizioni. Il fenomeno si evolve nel mondo romano dove inizia a generare profitti grazie alle gare di gladiatori nelle arene e negli anfiteatri. Nel Medioevo le scommesse vennero messe al bando, ma nonostante ciò riuscirono a sopravvivere, arrivando in Inghilterra dove erano molto presenti le scommesse clandestine, specialmente quelle riguardanti le corse dei cavalli. Queste arrivarono poi negli Stati Uniti d’America, dove crearono un business florido, e da qui si ridiffusero in tutto il mondo. Le prime scommesse ritenute legali furono proprio quelle legate all’ippica, che vennero regolamentate durante il diciannovesimo secolo in modo tale da diminuire la presenza di bische clandestine. In Italia, la prima regolamentazione è datata 1942 e riguarda esclusivamente le corse dei cavalli, mentre nel 1948 arriva il concorso a premi Totalizzatore Calcistico, anche conosciuto come Totocalcio, che fu il primo gioco di scommesse sportive nella penisola italica. Con gli anni, le numerose società straniere di scommesse hanno costantemente allargato la propria presenza a quasi ogni sport e con scommesse sempre più diversificate, permettendo non solo più la possibilità di scommettere sulla vittoria o sconfitta di una squadra o di un atleta, ma anche inserendo la possibilità di puntare sul numero di goal nelle partite di calcio o nel numero totale di canestri in una partita di basket, o ancora la possibilità di puntare sul pilota che ottiene il giro più veloce durante una gara di Formula 1.




Generalmente, le scommesse sportive sono tutte basate sulla presenza di due categorie: la prima è lo scommettitore, o il giocatore d’azzardo, che sceglie un determinato numero di eventi sportivi, il loro esito e una puntata in denaro; la seconda è il bookmaker, colui che accetta la scommessa e decide le quote che spettano allo scommettitore in caso di una previsione esatta di tutti gli eventi scelti. Le quote vengono stabilite dal bookmaker in base a una serie di calcoli probabilistici che porteranno ad avere una quota più bassa per il risultato più probabile e la quota più alta per il risultato meno probabile. Queste quote verranno moltiplicate tra loro e per l’importo scommesso dal giocatore, con quest’ultimo che otterrà una vincita totale pari al prodotto di questi fattori. Le scommesse possono essere di diversi tipi, legate al numero di eventi su cui lo scommettitore punta. La singola, la doppia e la tripla vedono, rispettivamente, la scommessa su uno, due e tre eventi; la multipla vede invece la scommessa su 4 o più eventi. Una categoria a parte è il sistema, differente dalle altre perché presenta la possibilità di vincere la scommessa anche se non c’è stato un corretto pronostico di tutti gli eventi.

 

Le scommesse più presenti e famose sono indubbiamente quelle calcistiche, le quali si sono diffuse con la presenza delle numerose agenzie online che hanno consentito la proliferazione di un enorme numero di possibili eventi su cui scommettere. Infatti, oltre la possibilità di scommettere sui famosi 1, X e 2, ovvero, rispettivamente, la vittoria della squadra di casa, del pareggio e la vittoria della squadra in trasferta, il giocatore può scommettere sul numero di goal complessivi della partita, su quali squadre segneranno, sul risultato esatto della partita oppure su quale sarà il primo giocatore a segnare. Esiste inoltre la possibilità di unire due delle tipologie di scommessa su uno stesso evento, consentendo così al giocatore un notevole ventaglio di opzioni su cui puntare per ottenere un esito favorevole.

 

Bene, ora che ti ho spiegato come sono nate e cosa sono le scommesse sportive, risponderò alla domanda che ci siamo posti all’inizio.

È possibile vincere alle scommesse sportive, creando rendite continue?.

Purtroppo la risposta è no, o meglio, non si può vincere alle scommesse sportive con i metodi tradizionali! L’unica modalità che permette di generare dei guadagni è il Betting Exchange, ovvero il classico Trading applicato al calcio o qualsiasi altro sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *